Problemi scolastici

Noseda_il-mio-lavoro_adolescenti-genitori_adolescenti_problemi-scolastici

Un valido aiuto per superare i problemi scolastici

I problemi scolastici si evidenziano a partire dall’età della scuola primaria fino ad arrivare all’università, ma è soprattutto durante l’adolescenza che si verificano, nella scelta dell’indirizzo scolastico e nel passaggio dalle scuole medie alle superiori.

Diverse sono le problematiche che un bambino o un adolescente si ritrovano a dover affrontare: per superare i problemi scolastici con percorsi mirati è possibile rivolgersi agli studi del Dr. Noseda.

Le difficoltà che lo studente incontra sono legate sia al passaggio da un tipo di scuola all’altra, che avviene in un lasso di tempo molto breve, sia al carico di studio, alle nuove materie con cui interfacciarsi, ai nuovi professori e ai ritmi, che il ragazzo si trova a dover affrontare in una fase già di per sé ricca di criticità e di cambiamenti fisiologici, emotivi e cognitivi.

Ad oggi sono numerosi i genitori che si sono rivolti a me, presso gli studi di Como (Via A. Auguadri 22) e Milano (via S. Gregorio 6) per superare gli ostacoli alla base di problemi di rendimento scolastico, ma anche di relazione nell’ambiente didattico, di abuso di sostanze e difficoltà di comunicazione in famiglia.

Nella mia formazione, e nei successivi anni in cui ho esercitato la professione, ho scelto di concentrarmi in particolare sul lavoro con gli adolescenti, le famiglie e i gruppi, specializzandomi proprio in psicoanalisi di gruppo e psicoterapia dell’adolescente.

Ho sempre trovato umanamente e professionalmente stimolante il confronto con gli individui impegnati ad affrontare l’età del cambiamento per eccellenza, ovvero quella dell’adolescenza, ma ritengo anche essenziale dare sostegno ai giovani proprio nella fase particolarmente critica e delicata della loro vita che va sotto il nome di adolescenza.

L’approccio che seguiamo per affrontare al meglio i problemi scolastici prevede che si tenga conto anche del contesto delle relazioni con la famiglia, naturalmente non per giudicare, condannare o attribuire colpe, ma per elaborare in sinergia con i genitori percorsi di cura e sostegno specifici rispetto alle problematiche manifestate.