Abuso sostanze in adolescenza

Noseda_il-mio-lavoro_adolescenti-genitori_abuso-sostanze-adolescenza

Un aiuto concreto per i casi di abuso sostanze in adolescenza

Sono sempre più numerosi gli adolescenti e più in generale i giovanissimi che fanno uso costante o occasionale di sostanze stupefacenti. Non solo: oggi l’abuso di sostanze si estende anche ai medicinali (soprattutto psicofarmaci), al fumo, all’alcool e a tutta una serie di dipendenze volte a ridurre il disagio, o quantomeno a illudersi di farlo.

Per un genitore, accorgersi che il proprio figlio ha problemi con alcool e droghe è difficile, non tanto perché i sintomi non siano evidenti, quanto perché l’abuso di sostanze nell’adolescente viene frequentemente interpretato come un “fallimento” nel proprio ruolo genitoriale, aspetto che costituisce un trauma difficile da accettare e da elaborare anche per l’adulto.

Anche quando avviene la presa di coscienza, i genitori spesso non sanno da dove cominciare per aiutare concretamente il proprio figlio. In questo caso un supporto professionale competente e qualificato, da parte di un professionista che ha affrontato e risolto molte situazioni analoghe, può rivelarsi indispensabile, spesso addirittura determinante.

I genitori e le famiglie che hanno bisogno di un valido aiuto nei casi di abuso sostanze in adolescenza, possono rivolgersi ai nostri studi di Via A. Auguadri 22 (Como) e Via S. Gregorio 6 (Milano) per trovare il supporto di uno psicologo e psicoterapeuta specializzato in psicoanalisi di gruppo e psicoterapia dell’adolescente.

Ho voluto collaborare alla fondazione della Scuola di Specializzazione in Psicoanalisi della Relazione con l’Adolescente ed il Giovane di Parma proprio per l’importanza che riconosco all’adolescenza in qualità di fase determinante per lo sviluppo di una psiche sana e di una personalità equilibrata nel futuro adulto.

Da diversi anni mi occupo di terapia famigliare, di gruppo e individuale, offrendo sostegno sia ai figli adolescenti sia ai genitori preoccupati perché non riescono a instaurare un dialogo costruttivo in famiglia e faticano a comprendere le motivazioni che hanno portato i figli all’abuso di sostanze e alla dipendenza da alcool e droghe.